Essere intelligibile/noetico

1) Essere intelligibile/noetico- Uovo della Teologia Orfica: “quell’Uovo era figlio di Etere e Caos, di cui l’uno è posto nel limite degli intelligibili (katà tò peras ton noeton), l’altro invece nell’illimitato (tò dè katà tò apeiron): infatti questa è la radice di tutte le cose.” (Pr. in Tim. I 428, 4); “Se dunque ciò che proviene per primo dal Limite e dall’Illimitato è l’Essere in senso primario, allora c’è identità fra l’Essere di Platone e l’Uovo orfico.” (Pr. in Tim. I 428, 8). “Se il Limite è risultato il limite degli enti e l’Illimitato è risultato l’illimitato degli enti e le entità che da entrambi i Principi traggono la loro sussistenza sono gli enti, come illustra chiaramente anche lo stesso Socrate, è evidente che il primissimo dei ‘misti’ (in quanto viene a sussistere dal Limite e dall’Illimitatezza) è anche il primissimo degli enti, ma questo non è nient’altro che il più elevato degli enti, che è l’Essere-in-sè e nient’altro che essere.” (Pr. Theol. III 35, 1- 7) “Così l’Essere deriva da questi Principi, in quanto è partecipe di entrambi ed ha, da un lato, il suo carattere uni-forme dal Limite, mentre quello generativo ed in generale la sua segreta molteplicità dall’Illimitatezza. Infatti Esso è tutte le cose in un modo segreto, e per questo è principio causale di tutti gli enti…l’Essere non è nient’altro se non Monade di potenze molteplici e realtà che si fa molteplice, e per questo “l’Essere è Uno-Molti”. Ma i molti sono in modo segreto ed indistinto nei primi enti, mentre sono in modo distinto nei secondi; infatti, quanto più l’Essere è congenere all’Uno, tanto più cela la sua molteplicità e si definisce solo in base alla sua stessa unità (forma dell’Uovo).” (Pr. Theol. III 39)

Alla sommità nell’Ordine degli Intelligibili si addice “l’intorno al quale” (tò perì hò): tutti gli ordinamenti divini sono proceduti segretamente intorno a questa sommità, posta prima di essi. (Pr. Theol. II 61, 1- 10)

 

1a) limite:il Dio alla sommità dell’Intelligibile- che procede a partire dal Dio primissimo ed impartecipabile- Esso misura e delimita in sè tutte le cose- fa sussistere tutto il genere paterno, connettivo ed incontaminato degli Dei.

1b) illimitato:potenza inesauribile del Dio- rivela tutti gli ordinamenti generatori/materni-rivela anche tutta l’illimitatezza sia sovraessenziale che essenziale, che procede fino alla materia.
1c) misto:”primissimo e più alto ordine degli Dei”> perchè contiene tutte le cose in modo segreto- è infatti costituito da una Triade intelligibile contenitiva (limite- Essere- Limite> Uno) e anche racchiude in sè in modo unitario la causa di tutto l’essere: “ha posto la sua sommità fra i primissimi Intelligibili.”
(Theol. III 45, 1- 12)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s